Enzo Avitabile


Diplomato in flauto al conservatorio di San Pietro a Majella, Avitabile suona vari generi musicali che vanno dalla world music alla jazz fusion. Nel corso della sua carriera, ha collaborato con artisti di tutto il mondo, come James Brown e Tina Turner.
È del 1979 la sua partecipazione nel secondo album di Pino Daniele. Nel 1980 partecipa all'album Nero a metà dello stesso Pino Daniele, e, sempre nello stesso anno, suona il sassofono baritono e tenore in Sono solo canzonette di Edoardo Bennato. Nel 1982 esce il suo primo lavoro discografico, Avitabile.
L'anno successivo prende vita Meglio soul dove spiccano canzoni come "Charlie", in riferimento a Charlie Parker, o "Gospel mio", cantata con Richie Havens . Ancora l'anno dopo realizza Correre in fretta, con dedica alla figlia Connie. Il 1986 è l'anno di uscita di uno dei suoi lavori più noti, S.O.S. Brothers, che contiene la storica "Soul Express" e "Black Out".
Nel 1988 pubblica Alta tensione, titolo dell'omonima canzone presente nell'album, per ribadire la presenza del funk, e una collaborazione con Afrika Bambaataa che si trasformerà del disco Street Happiness. Del 1990 è invece Stella dissidente dalla riconoscibilissima copertina di Milo Manara. L'anno successivo Enzo Avitabile realizza un album omonimo, affiancato da Corrado Rustici.
Nel 1994 esce Easy dove mette in musica "'A livella" di Totò e canta in duetto con Randy Crawford "Leave me or love me". Nello stesso anno partecipa al Pistoia Blues Festival. Nel 1995 scrive la musica di "E c'è ancora mare" canzone cantata da Giorgia Todrani inclusa nell'album della cantautrice Come Thelma & Louise. Una maggiore attenzione alla musica rap e al jungle ed un ritorno all'uso del napoletano nei testi, porta nel 1996 alla realizzazione di Addò in collaborazione con gli Agricantus.
"Ho capito che avrei dovuto suonare con lui: ha delle melodie african oriented. Così gli ho risposto: dai, suoniamo insieme. Enzo e i suoi musicisti sono formidabili. In studio la collaborazione è stata perfetta, un'unione sorprendente". Così Mory Kanté descrive l'inizio della loro collaborazione musicale che culminerà con O-Issa, album datato 1999. Insieme al singolo "Mane e Mane", una parte dei proventi verrà destinata a sostenere l'iniziativa dell'UNICEF per garantire il diritto alla scuola alle bambine del Benin.
Dal 2004 le note di copertina dei suoi dischi sono firmate dall'antropologo Marino Niola. Nel 2009 vince il Targa Tenco per il miglior disco in dialetto, ovvero Napoletana uscito lo stesso anno. Nel 2012 vede la luce l'album Black Tarantella, il quale contiene diversi featuring e che si aggiudica la Targa Tenco per il miglior disco in dialetto. Sempre nello stesso anno, Jonathan Demme presenta al Festival del Cinema di Venezia il docu-film Enzo Avitabile Music Life, in cui il grande regista statunitense ripercorre la carriera del musicista napoletano[2]. Nel 2013 collabora con Gigi D'Alessio nel brano "Notti di lune storte" contenuto nell'album Ora.

Compila il form e inviaci la tua richiesta